5 cose che non sai sullo zucchero

11/04/2018 09:43:12

5 cose che non sai sullo zucchero

Oggi parliamo di un ingrediente protagonista di tantissime ricette dolci e, a sorpresa, anche in alcune deliziosamente salate! Stiamo parlando dello zucchero! Ecco alcune curiosità:

1. Lo zucchero di canna e quello di barbabietola sono uguali. Se vi chiedessimo che differenza c’è dallo zucchero di canna a quello di barbabietola probabilmente direste che uno è bianco e uno è marrone. Falso. Sono tutti e due bianchi, e quando mangiate lo zucchero bianco non sapete se state mangiando quello di canna o di barbabietola perché sono identici. Solo che la canna produce anche molta melassa, che da allo zucchero “grezzo” il colore marrone.

2. Che cos'è lo zucchero a velo? 
l sapore è lo stesso, ma quello a velo è più intenso, in base alla nostra esperienza. Questo perché lo zucchero a velo e quello normale sono assolutamente la stessa cosa, con la differenza che quello è velo è tritato in modo molto, molto, molto più fine rispetto a quello che usiamo di solito. Quando lo zucchero viene tritato, si formano dei granelli a dimensioni normali e dei granelli più fini, un po’ come la segatura che si forma quando si sega un pezzo di legno. Sono scarti di lavorazione, di fatto, che però vengono raccolti e venduti come zucchero a velo, più piccolo e per questo dal sapore più intenso di quello normale.

3. 25 grammi: è la dose quotidiana massima di zucchero raccomandata dalla World Health Organization. Corrispondono, più o meno, a sei cucchiaini da tè. Ovviamente, la dose tiene conto anche degli zuccheri presenti in molti prodotti. Una bibita in lattina ne arriva a contenere 40 grammi, ma alcune bevande possono averne fino a 70!

4. Lo zucchero non si trova solo nei dolci: nel pancarré, nel ketchup e nelle salse in generale, nei sughi pronti e in tutti i prodotti da colazione (yogurt, succhi di frutta, cereali), che somigliano sempre di più - per apporto calorico - a dessert veri e propri! Negli Stati Uniti, tre quarti di cibi e bevande confezionate contengono zuccheri o dolcificanti, che aggiungono sapore a prodotti poveri di grassi, ne modificano la consistenza e migliorano la conservazione.

5. Da dove proviene lo zucchero che mangiamo? Principalmente da canna da zucchero (per il 65-70%) o da barbabietola da zucchero (il 30% circa). Che anche la barbabietola (Beta vulgaris), in una varietà diversa da quella da insalata, contenesse saccarosio è una scoperta più recente, compiuta nel 1747 dal tedesco Andreas Marggraf: quest'ultimo tipo di zucchero vide la sua esplosione sotto Napoleone, che ne incoraggiò la coltivazione per migliaia di ettari. Lo zucchero scuro è sempre di canna, perché quello da bieta non contiene melassa. Quello chiaro, può essere di entrambi i tipi.

Products link